Eco-bonus 65% prorogato a tutto il 2016

Legge di stabilità 2016: confermata la proroga delle detrazioni 65% per gli interventi di riqualificazione energetica

È ormai riconosciuto a livello globale: puntare sulla green economy è la scelta vincente non solo per salvaguardare l’ecosistema del pianeta, ma anche per il rilancio dell’economia.

Su queste basi, secondo quanto indicato nella Legge di Stabilità 2015, sono confermate fino al 31 dicembre 2016 la detrazione del 65% per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici e la detrazione del 50% per le ristrutturazioni. La nuova scadenza vale sia per gli interventi sulle singole abitazioni (che secondo le norme precedenti sarebbero stati agevolati solo fino al 31 dicembre 2014) che per quelli sulle parti comuni dei condomìni (che sarebbero stati agevolati fino al 30 giugno 2015).

Dal 1° gennaio 2017, salvo ulteriori proroghe, le detrazioni si ridurranno al 36% sia per la riqualificazione energetica, sia per gli interventi di ristrutturazione edilizia.

La detrazione del 65% riguarda naturalmente anche gli interventi di sostituzione degli impianti tradizionali con i più efficienti sistemi a Pompa di Calore.

È secondo noi il giusto riconoscimento per la tecnologia della Pompa di Calore, che per il suo particolare funzionamento, utilizza energia rinnovabile.

Grazie all’effetto moltiplicatore del COP (rapporto tra potenza termica erogata e potenza elettrica assorbita) una parte rilevante del calore fornito ai locali e all’acqua sanitaria proviene, infatti, dall’energia verde contenuta nell’aria esterna, nell’acqua di falda o nel terreno.

Una pompa di calore con COP = 4 è, ad esempio, in grado di fornire gratuitamente al nostro comfort ben tre unità energetiche su quattro. Di tutto questo ne beneficia naturalmente anche il nostro pianeta, poiché l’impiego della pompa di calore può portare anche a dimezzare le emissioni di CO₂ rispetto ai sistemi di riscaldamento tradizionali.


A causa di manutenzione straordinaria, i server Aermec non saranno raggiungibili i giorni 2 e 3 gennaio 2023.

Pertanto, i siti non saranno visualizzabili e i programmi di selezione non saranno in grado di aggiornarsi.